Tre albi per un nuovo inizio

in Fra cattedra e finestra di
Sabina Minuto racconta il percorso svolto in classe per lavorare sul testo autobiografico in prosa.

I percorsi di inizio anno sono sempre importanti. Stabiliscono il clima della classe, lo creano. Io spesso mi ritrovo con tanti studenti nuovi in una classe già conosciuta. Impiego le prime settimane per ricreare il gruppo, rimodellare equilibri, capire chi ho davanti. Lo scorso anno ho messo in atto una bella esperienza. Bella No. Parola abusata. Diciamo utile e anche piacevole. Come sempre i miei percorsi nell’ambito del WRW partono dagli albi. Ne abbiamo letti tre per lavorare sul testo autobiografico in prosa. Una sfida grande per i ragazzi. Oltre l’incubo della banalità c’è pure l’incubo della forma che incombe. Ma io sono convinta che se impari strategie e tecniche scrivendo di ció che ti sta a cuore le stesse strategie potrai usarle per sempre. I pilastri non cambiano.

Quindi per ritornare al percorso ho usato: ● Vetro di Silvia Vecchini ● Il Nuotatore di Paolo Cognetti ● Nel buio di Nicola Barca e Michela Baso.

Perché li ho scelti: per la potenza evocativa delle immagini, delle storie, delle parole. Ognuno a modo suo ha saputo guidarci alla ricerca del dentro di noi che ci aiuta a scrivere. Come ho imparato ad Anghiari il praticare ascolto pensoso fa i miracoli. Ascolto pensoso di testi scritti da altri, siano autori siano compagni. Ho scritto anche io ovviamente insieme a loro e sempre ho condiviso. Che concetto potente ascolto pensoso! Non c’è nel WRW. Ma nella settimana dell’autobiografia alla LUA ho imparato tanto e non sono una che si ferma ad una metodologia sola. Amo il mondo meticciato come dice il mio amico ivoriano Ben e anche la didattica meticciata,dunque.

Ho letto gli albi come sempre, in circolo, negoziando significato ad ogni pagina. Ogni studente annotava sul quaderno a fine lettura impressioni, connessioni, domande (schema a Y). Ci siamo soffermati sulle domande chi siamo? Siamo grandi? Quando siamo diventati grandi? E sulle domande: è stata una scelta a farci crescere? Quale scelta? In quale punto della vita siamo? Stiamo cambiando? Chi ci aiuta a cambiare?

Le immagini degli albi sono molto evocative e quindi le abbiamo usate per brevi quick write e per generare attivatori anche grafici. Nel Nuotatore c’è un tuffo reale ma metaforico. Abbiamo disegnato anche il nostro tuffo reale o metaforico, ad esempio. Abbiamo raccolto per circa due settimane molto materiale su cui scrivere. Ho anche letto loro alcuni brani tratti dal testo di autori vari “ La prima volta”. Soprattutto per avere Mentor text sui tipi di incipit diversi. Nel testo della Vecchini c’è una ragazzina che scrive una cartolina a se stessa per ricordarsi come è in quel momento, non sapendo come diventerà. Abbiamo fatto così anche noi. Ho fatto io con il pc una sorta di cartolina postale e ognuno l’ha scritta e imbucata nella nostra buca delle lettere che già dallo scorso anno è in classe.

L’abbiamo poi aperta l’ultimo giorno di scuola. Chi ha voluto ha letto. Molti hanno preferito di no. Decisione che io sempre rispetto, ovviamente. Il primo giorno come da testo della Vecchini, ho consegnato loro un vetrino che ho raccolto al mare. Per me cosa facilissima, non faccio che raccogliere pietre al mare. Se lo sono messi nell’astuccio o in cartella. Qualcuno in una tasca particolare. Uno per ciascuno. L’anno prima era un bullone, più prosaico. Abbiamo osservato e scritto cosa voglia dire vedere distorto. Guardare attraverso un vetro semi opaco se stessi o il mondo che sta fuori. Tutto è finito ovviamente nel taccuino/ quaderno ( chiamarlo taccuino da noi è dura!) .

Quando abbiamo iniziato a lavorare sul percorso per la consegna del primo pezzo tutto avevano molti argomenti o appunti da usare e su cui riflettere. “La scelta” è stata molto gettonata, ma anche i ricordi legati alle cose (avevamo fatto anche un attivatore grafico: la scatola delle cose piccole). Vi regalo un incipit che in me ha lasciato il segno. Lo lasciamo anonimo. “Anche se so che se mi vedessi ora, con la sigaretta, ti arrabbieresti, e non saresti felice di me, penso che questo sia uno dei i pochi modi concessi per farmi vedere che sei qui con me, anche se non ti vedo, anche se non ti sento. Osservo attentamente la sigaretta che si consuma, il fumo che allontanandosi delicatamente da essa danza nell’aria, fino a svanire. Io mi immagino che sei tu con il dito che come una direttrice d’orchestra, accompagni il fumo e i suoi spostamenti proprio per farmi capire che riesci ancora a sentirmi. E scrivo questo anche per fare in modo che tu lo veda, perché so che a parole non potrai mai rispondermi, mentre a piccoli gesti sì e appunto ti chiedo di continuare, continua a far danzare il fumo nella stanza, che se io vedo te, tu di sicuro leggerai QUI.” Siamo, eravamo in seconda professionale. É inutile dire che io amo profondamente i miei studenti per quello che sono e che mi danno.

Rubriche

Didattica e diritto

di Gianluca Piola

Fra cattedra e finestra

di Sabina Minuto

Maschile singolare

di Ivan Sciapeconi

Giochi senza frontiere didattiche

di Giovanni Lumini

Archeodidattica: strategie e laboratori

Ora di Alternativa

di Valerio Camporesi

Tracce di scuola intenzionale

di Sonia Coluccelli

Sentieri tra i banchi

di Fabio Leocata

Virgolette

di Paola Zannoner

Luoghi Interculturali

di Mariangela Giusti

La Facile Felicità

di Renato Palma

Torna su