Il linguaggio delle carezze per una pedagogia della tenerezza

in Approcci educativi di
La pedagogista Marta Tropeano ha inviato a “Occhiovolante – Redazione Aperta” alcune sue riflessioni sull’importanza dell’educazione affettiva da usare soprattutto in famiglia e negli asili nido.


Ci si pensa raramente, che non siamo noi a scegliere il corpo con il quale vivremo, anche se poi ci “abitiamo” per tutta la vita. E nemmeno pensiamo spesso che per percepire il corpo di un altro, comprendere e venire incontro alle sue esigenze, dobbiamo prima di tutto conoscere bene la nostra “casa-corpo”. Cosa facciamo perché i bambini si sentano bene dentro la pelle, perché sviluppino una buona relazione con il loro corpo? Dedichiamo abbastanza tempo a giochi che permettano loro di percepirlo consapevolmente e diamo loro la possibilità si scoprirlo e fare nuove esperienze?

le esperienze corporee ai bambini vengono spesso razionate

Lo sbocciare delle facoltà mentali, emotive e corporee è stimolato nei bambini dagli innumerevoli avvenimenti vissuti e dalle esperienze che ricevono dai genitori e dai famigliari. Tuttavia le esperienze corporee ai bambini vengono spesso razionate. Peccato perché quello che il corpo vive ha effetto profondo e durevole sulla dimensione emotiva e crea il legame fondamentale dalla “casa corpo-alla casa emotiva”.

il nostro mondo non è affatto accogliente nei confronti dei bambini

Il bambino deve avere la possibilità di esprimersi quando gioca e nei suoi contatti, con la famiglia e gli amici. Come pedagogista credo sia oggi necessario, visto che il nostro mondo non è affatto accogliente nei confronti dei bambini. Gli spazi abitativi non sono a misura di bambino, le città hanno pochi luoghi dedicati al gioco, le esigenze scolastiche, spesso procedono in senso contrario al loro bisogni di libertà. Tutto questo porta a una contraddizione soprattutto se l’obiettivo è la felicità e il benessere del bambino. Perché egli possa da adulto vivere la felicità di relazioni sane e soddisfacenti, è necessario che ora riceva amore e che possa darne.

La pelle è la “regina dei sensi”, ci permette di percepire non solo gli oggetti, ma anche le vibrazioni e i vissuti emotivi, rispetto alla nostra quella del neonato e del bambino è ipersensibile come se disponesse di antenne finissime, registra l’atmosfera del suo ambiente. La fase cutanea è delicatissima, prima ancora di saper distinguere rumori, immagini, sapori, odori il neonato sente se l’atmosfera famigliare è tesa o rilassata, reagisce al nervosismo e al cattivo umore con agitazione e strilli e non si calma fino a che noi stessi non ci siamo calmati interiormente. I sensi del bambino hanno bisogno di nutrimento stimolante. Anche la pelle reclama la tenerezza, la Vitamina T. (Vitamina Tenerezza).

La tenerezza è un atteggiamento, un dono che nessuna prestazione materiale può sostituire, è necessaria fin da piccoli alla nostra vita interiore

Il bambino oltre al cibo reclama la “fame relazionale”, ossia la fame di carezze, di affettuosità e di sicurezza percepite con la pelle. La tenerezza è un atteggiamento, un dono che nessuna prestazione materiale può sostituire, è necessaria fin da piccoli alla nostra vita interiore. Se vogliamo che i nostri bambini conoscano in futuro la felicità del proprio corpo e il rispetto dell’altro nutriamoli fin d’ora di contatti gioiosi e di tenere attenzioni.

Tags:

Rubriche

Fra cattedra e finestra

di Sabina Minuto

Ora di Alternativa

di Valerio Camporesi

Sentieri tra i banchi

di Fabio Leocata

Maschile singolare

di Ivan Sciapeconi

Tracce di scuola intenzionale

di Sonia Coluccelli

Virgolette

di Paola Zannoner

Luoghi Interculturali

di Mariangela Giusti

La Facile Felicità

di Renato Palma

Torna su