L’inizio di un nuovo viaggio

in Protagonisti di
L’editoriale di Cristina Zannoner per inaugurare Occhiovolante, la nuova rivista edita da Librì progetti educativi, punto di incontro per maestri, insegnanti e professionisti dell’educazione

La scorsa estate abbiamo cambiato nome.

La nostra realtà lavorativa negli ultimi 10 anni si è discostata sempre di più dalla promozione e diffusione del libro rivolta all’ente pubblico o alla libreria per dare maggiore spazio all’attività educativa che usa il mezzo libro, ma non solo, e che trova nel mondo della scuola il punto di approdo dei nostri progetti educativi.

Abbiamo voluto chiamarci LIBRI’ progetti educativi giocando con la parola libri e puntando proprio sul fatto che un progetto educativo è innanzitutto un gioco, un intrattenimento, un’attività che si appella alla sfera emotiva dei bambini: le relazioni in classe, il rapporto con gli animali, con le risorse del pianeta, con quello di cui si nutrono o con lo sport, con la natura… Se la scuola vuole servire alla vita e allo sviluppo dei ragazzi deve accompagnarli a una sorta di alfabetizzazione emotiva associata alle cose reali del mondo, dargli gli strumenti per leggere la complessità della realtà in cui viviamo.

Un progetto educativo parla di cose che appartengono alla quotidianità dei bambini e lo fa attraverso una modalità che accende la loro immaginazione e il loro desiderio spontaneo di esprimersi. È sempre molto commovente vedere gli elaborati dei lavori svolti in classe dai bambini intorno a un progetto educativo, il risultato è, nella maggior parte dei casi, sempre stupefacente, originale, giocoso, laborioso e ricco di fantasia ed emozione.

Noi di Librì crediamo fermamente che la migliore educazione sia quella che si prende cura di tutte le dimensioni umane: la mente, il corpo, il cuore. Per questo i progetti che si integrano alla didattica ed emozionano i bambini sono secondo noi, tanto importanti per non dire necessari. Nel nostro lavoro ci impegniamo affinché gli strumenti accendano la curiosità dei bambini, ne siano attratti emozionalmente, per questo curiamo molto l’aspetto grafico illustrativo, perché desideriamo catturarli in modo gioioso e benefico, sorprendendoli o emozionandoli di volta in volta nelle varie pagine. Spesso tocchiamo il loro cuore (già ben disposto) per la forza di uno o più colori, a volte per un disegno spiritoso o particolarmente intenso o vicino alla loro fantasia, oppure grazie a una rima ben riuscita o una frase ben scritta. È dunque fondamentale la cura editoriale del progetto educativo, la qualità del come è realizzato. 

È una sfida molto difficile quella di riuscire a creare un incontro autentico tra un bambino e un libro o dei materiali che gli proponiamo, ma ogni volta che avviene, l’atto educativo è molto potente. In questo ci sentiamo grandi alleati degli insegnanti e per questo nei nostri materiali per le classi ci sono sempre anche supporti solo per loro, perché possano utilizzare al meglio i materiali che forniamo, con brevi manuali che guidino puntualmente l’attività proposta ai bambini. Sempre più desideriamo il loro feedback, ne abbiamo bisogno, è molto prezioso, ci aiuta a migliorare gli strumenti, che per noi sono in continua innovazione, soprattutto orientandoci sulle esigenze del gruppo classe, spesso complesso ed eterogeneo.

OCCHIOVOLANTE è nato per questo, volando, osserva l’informazione globale alla ricerca degli spunti migliori per l’educazione. Vuole essere un luogo per riflessioni e contributi aperti, uno spazio ricettivo per idee, progetti, metodi e curiosità. Faremo parlare grandi esperti ma non solo, interverranno gli educatori, gli insegnanti, i genitori ma anche gli artisti e i visionari. OCCHIOVOLANTE è uno strumento utile per allargare lo sguardo, per andare oltre, per vedere molto lontano, per esplorare nuovi orizzonti e apre alla speranza di un’educazione sempre più disponibile alla connessione delle discipline, un’educazione che crei affinità con le arti e le attività culturali e sociali, un’educazione sempre più inclusiva, immaginativa, che possa nutrire la mente e il cuore delle nuove generazioni.

Vuoi contribuire parlandoci di un argomento che ti interessa? Clicca qui

Rubriche

Maschile singolare

di Ivan Sciapeconi

Tracce di scuola intenzionale

di Sonia Coluccelli

Fra cattedra e finestra

di Sabina Minuto

Ora di Alternativa

di Valerio Camporesi

Sentieri tra i banchi

di Fabio Leocata

Virgolette

di Paola Zannoner

Luoghi Interculturali

di Mariangela Giusti

La Facile Felicità

di Renato Palma

Torna su