post it e penne capovolti in classe

La classe capovolta per stimolare l’apprendimento attivo

in Approcci educativi di
L’intervento di Stefano Rossi, psicopedagogista, a Tempo di Libri, sull’importanza della classe capovolta nello sviluppo di un forte senso critico

Gli insegnanti si trovano oggi in un periodo complesso per l’insegnamento. Nuove sfide attendono le generazioni di alunni una volta uscite dalla scuola. Un futuro di robotica, con difficoltà a trovare lavoro, il rischio di diventare neet (Not in Education, employment or training), multiculturalismo, globalizzazione e chi più ne ha più ne metta.

Stefano Rossi, psicopedagogista, usa la metafora del passeggero per descrivere il modello della scuola del passato. Permette un accesso sicuro al mondo del lavoro e un’identità definitiva.

Oggi invece ci dovremmo adattare a un’idea diversa: l’autostoppista. Un percorso caotico, con una meta meno precisa, determinato dall’incertezza e che richiede una notevole resilienza.

Non accorgersi di questo mutamento significa lasciare gli alunni senza gli strumenti per affrontare la realtà, trasformandoli probabilmente in autostoppisti aggressivi. La scuola deve educarli invece in figure di esploratori coraggiosi.

Ma cos’è un esploratore coraggioso? È una figura che ha iniziativa e lavora per problemi (e non per soluzioni), ha un’intelligenza curiosa ed emotiva. È imprenditore di se stesso, ma è anche collaborativo.

Oggi più che mai per educare verso un’idea del genere occorre superare in parte la didattica frontale e utilizzare gli stratagemmi della classe capovolta.

In classe si discute, si lavora e si impara con più interesse

La classe capovolta si basa sull’attivazione e la responsabilizzazione dello studente rispetto alla metodologia classica. Un esempio può essere l’attivazione dell’alunno tramite la visione di un video a casa.

Il video è preparatorio per la lezione in classe che verrà dedicata, se necessario, solo in parte alla didattica frontale. Verrà invece divisa in varie fasi non troppo lunghe che puntano a esaltare la riflessione e la collaborazione.Al termine della lezione si avrà invece la chiamata casuale e individuale per il voto.

Rossi suggerisce qualche accorgimento, ad esempio i gruppi composti da molti alunni possono essere poco governabili e potrebbero sorgere problemi e seccature. L’ideale è invece il gruppo di due persone in cui l’interazione è quasi obbligata e la cooperazione paritaria molto stimolata.

infografica flipped classroom

L’obbiettivo è l’attivazione dei ragazzi e l’idea sembra semplice ma richiede non poco impegno. Il risultato però è interessante. In classe si discute, si lavora e si impara con più interesse. Si impara insomma facendo, e se la cosa sembra americanizzante è perché ci siamo un po’ dimenticati della grande Maria Montessori che già parlava di apprendimento attraverso l’attività e di autonomia e responsabilità

E forse proprio di questi tempi, con l’insorgere delle fake news e della post verità che abbiamo bisogno di futuri adulti con un forte senso critico e uno spirito di comunità legato alla collaborazione e alle conoscenze.

 

Fonti

http://flipnet.it/

https://www.internazionale.it/opinione/annamaria-testa/2017/02/27/scuola-capovolta

Rubriche

Fra cattedra e finestra

di Sabina Minuto

Ora di Alternativa

di Valerio Camporesi

Sentieri tra i banchi

di Fabio Leocata

Maschile singolare

di Ivan Sciapeconi

Tracce di scuola intenzionale

di Sonia Coluccelli

Virgolette

di Paola Zannoner

Luoghi Interculturali

di Mariangela Giusti

La Facile Felicità

di Renato Palma

Torna su