Alike, perché la scuola non può diventare una fabbrica

in Short & Movie di
Il corto animato della Pixar che fa riflettere genitori, educatori e bambini sull’importanza della creatività e dell’immaginazione a scuola e nella vita

Alike è un corto Pixar di 8 minuti realizzato da Daniel Martinez Lara e Rafa Cano Méndez, molto apprezzato dalla critica e vincitore del premio del Goya 2016 come miglior cortometraggio.

I protagonisti sono un bambino e suo padre che nelle loro abitudini quotidiane mostrano due fasi portanti della vita di una persona. Una contrapposizione generazionale tra il genitore, le sue preoccupazioni e responsabilità e il bambino, allegro e spensierato.

Ma quando va a scuola è proprio l’insegnante a voler omologare il bambino agli altri, ignorando gli sprizzi di creatività e obbligandolo a un compito ripetitivo e noioso. E così si crea un parallelo con il mondo del lavoro meccanico e monotono dell’era industriale e la scuola sembra quasi diventare una preparazione mentale a questo tipo di costrizione.

Il bambino giorno dopo giorno perde la sua allegria e si spegne, diventando efficiente ma più grigio e abbattuto. Ed è solo quando il padre si accorge di questo cambiamento che si rende conto di esserne stato complice e grazie a un pizzico di creatività riesce a colorare gli umori di entrambi.

Il corto coglie in pieno un problema attualissimo legato alla tendenza di voler vedere la scuola in un posto dove ci si prepara unicamente per il mondo del lavoro, e per questo gli educatori e i genitori, devono fare in modo che i bambini, sì sviluppino un fattore di disciplina, che è un elemento importante nella vita di tutti, ma che non perdano strada facendo l’immaginazione e la creatività, come per esempio la gioia nel disegnare liberamente.

Il disegno libero rappresenta, nel cortometraggio e nella realtà, un aiuto all’autoespressione perché diventa luogo di creatività, osservazione e conoscenza, una palestra per la mente. La scuola non deve trasformarsi nel luogo dove questo viene inscatolato e standardizzato, deve avere un ruolo nell’educazione alla vita e alla felicità, perché queste poi si ripercuotano positivamente nella vita adulta dei bambini.

Crediti: CC0 Public Domain/AlaitzZabaletaSarobe

 

Rubriche

Pensare con gli occhi

Archeodidattica: strategie e laboratori

Ora di Alternativa

di Valerio Camporesi

Giochi senza frontiere didattiche

di Giovanni Lumini

Didattica e diritto

di Gianluca Piola

Fra cattedra e finestra

di Sabina Minuto

Maschile singolare

di Ivan Sciapeconi

Tracce di scuola intenzionale

di Sonia Coluccelli

Sentieri tra i banchi

di Fabio Leocata

Virgolette

di Paola Zannoner

Luoghi Interculturali

di Mariangela Giusti

La Facile Felicità

di Renato Palma

Torna su